© 2017-2018 Chiara Guagliumi

Loretta Caponi: l'amore si veste di seta

December 3, 2017

 

È facile immaginarsi a ballare con l’amore della vita appena si mette piede da Loretta Caponi. È come guardare un mondo segreto da uno spioncino, con un misto di curiosità e paura. La curiosità di immergersi in un sogno e la paura di rovinare un posto così intimo

 

Il negozio si trova a Firenze in Piazza Antinori 4R, alla fine di via de’ Tornabuoni. È, ed è stato, meta di regnanti ed emiri, attratti dalla bellezza, dalla qualità e dalla ricercatezza dei tessuti e della manifattura, rigorosamente “Made in Italy". 

 

C’è da immaginarsi una bottega minuscola nel ’67, un sogno e non più di qualche sarta. Poi una camicia da notte, ma non una delle solite, una di quelle che segnano le epoche in cui vengono create. Una di quelle che riescono a rendere una ricamatrice un’icona della lingerie. Venticinque anni fa Loretta Caponi si trasferì con tutto quello che aveva in un vecchio deposito di pianoforti, che all’epoca non aveva nemmeno il pavimento e ora lascia senza fiato. Oggi le sarte da pochissime sono diventate alcune e si affacciano timidamente dal laboratorio, ancora prese dai loro ricami a mano. Loretta invece non c’è più, ma ogni millimetro del negozio la ricorda, grazie alla figlia Lucia e al nipote Guido.

 

Si entra piano in questa boutique, come quando si viene invitati a casa di qualcuno. Si sente profumo di famiglia, i loro quadri e gli oggetti personali sono ovunque, distribuiti in ogni angolo del negozio. E il profumo si sente anche nella biancheria per la casa, nella lingerie, nelle tovaglie…tutto ha qualcosa di incredibilmente intimo. Chi compra qui lo sa e sa che questi capi li accompagneranno per tutta la vita, restando ben visibili nelle fotografie di famiglia o nascosti sotto al cuscino, legati solo ai ricordi profondi di due amanti.  

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

The Italian Eye Magazine / Chiamami col tuo nome: innamorarsi nella magica Lombardia di Guadagnino

June 30, 2018

1/4
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag